Cresce il mercato discografico italiano

maggio 31, 2019 Non attivi Di Redazione
Cresce il mercato discografico italiano

Per il quarto anno consecutivo cresce il mercato discografico globale, che nel 2018 segna il +9,7% rispetto al precedente 2017. Durante l’anno solare 2018, come affermato dal Global Music Report 2019 di IFPI, i ricavi complessivi sono stati pari a 19,1 miliardi di dollari, con il settore dello streaming in fortissima crescita (+34%), che rappresenta il 47% dei ricavi totali dell’industria discografica.

Di pari passo cresce anche il mercato discografico italiano, che registra un +2,6% nel 2018 e un fatturato complessivo di 228 milioni di euro. Anche per il mercato italiano una buona percentuale dei ricavi è rappresentata dagli incassi di servizi di musica in streaming, che costituiscono da soli il 41% dell’intero mercato. I servizi in abbonamento premium streaming sono incrementati del 55,4% rispetto al precedente anno. Ottimi risultati anche per quanto riguarda i diritti editoriali: +2,9% per i diritti di performance e +7,9% di sincronizzazioni.

Il Ceo di FIMI, Enzo Mazza, ha affermato che

Nonostante il calo di fisico e download sia fisiologico in una dimensione digitale sempre più consolidata, grazie ai risultati del repertorio italiano che ha dominato le classifiche degli album nel 2018, il mercato fisico italiano resta uno dei più forti a livello internazionale, posizionandosi al settimo posto. È merito anche grazie dei risultati generati dal Bonus Cultura, che solo nel 2018 ha prodotto oltre 21 milioni di fatturato, per quasi la totalità sul fisico.

Frances Moore, il CEO di IFPI (Federazione Internazionale dell’Industria Discografica), ha inoltre detto che

Abbiamo assistito a quattro anni consecutivi di crescita: è un progresso che sta permettendo alle case discografiche di proseguire negli investimenti, non solo nelle persone, nelle tecnologie e negli artisti, ma anche nelle regioni in via di sviluppo. Mentre i mercati continuano a svilupparsi ed evolversi, è importante che siano predisposte le giuste infrastrutture legali per garantire che la musica venga valutata in maniera equa e che i ricavi vengano restituiti ai titolari dei diritti. Stiamo lavorando per garantire che la musica continui nel suo entusiasmante viaggio globale.

Fonte: FIMI